Dal 1910

pane, amore e fantasia

La panetteria Zoppis viene fondata da Giacomo Zoppis (1890-1975), detto Mentu, nato a Borgomanero. Il padre Francesco per mestiere conduce la sua diligenza trainata da due cavalli, mentre la madre Teresa gestisce la Trattoria Parigi con albergo, aperta nel 1875 e situata in Corso Mazzini.

Giacomo si trasferisce a Milano con l'ambizione di fare carriera nel mondo della ristorazione, ma alla morte del padre torna a Borgomanero e inizia la sua esperienza nella panificazione come garzone nei panifici di Romagnano Sesia, Grignasco e successivamente Borgomanero.

Gli eventi si susseguono e, dopo che Teresa chiude l'attività di famiglia, arriva finalmente la grande occasione che segnerà la vita lavorativa di quattro generazioni: nel 1910 nasce in corso Cavour la panetteria Zoppis.

Passata la guerra, Giacomo si sposa con Luigina, una dinamica ragazza di Gozzano, che prende le redini del negozio gestendolo in maniera moderna. Nel forno, intorno al 1945 entra a lavorare anche Mario (1925-2007), uno dei due figli, il quale insieme alla moglie Maria Teresa gestisce l'attività per molti anni.

I saperi della panificazione passano da una generazione all'altra, arrivando a Giacomo (1957-2011), terza generazione che, con la moglie Carmen, apre un nuovo punto vendita a Gozzano, in via Dante 1, e allarga la produzione rifornendo numerose rivendite del territorio. È proprio con Giacomo che parte la sperimentazione dei prodotti artigianali tradizionali, come il Panettone, il Tronchetto all'Ananas e la Colomba, rinnovando il forno e dandogli un'impronta nuova.

Attualmente sono i figli, Stefano e Barbara - la quarta generazione di panettieri Zoppis - a portare avanti la produzione, il negozio e la tradizione di famiglia. Non dimenticando i saperi trasmessi da padre a figlio, ma con lungimiranza e creatività, i due giovani fratelli propongono ora nuovi prodotti e nuove materie prime. Un’innovazione costante, volta a migliorarsi sempre, senza però dimenticare le proprie radici.